PA Magazine

Pa, la sfida della sostenibilità passa per il lavoro agile

3 minuti di lettura
1
iStock

Il ricorso al lavoro agile riprenderà a crescere? La direttiva Ue sull’applicazione dei principi Esg spinge in questa direzione. Infatti il livello di sostenibilità di imprese e amministrazioni pubbliche dipenderà in futuro sempre di più dalla corretta gestione e organizzazione delle risorse umane e dall’applicazione dello smart working. Il lavoro a distanza, è stato calcolato, fa risparmiare 600 chilogrammi di anidride carbonica per lavoratore. Nel complesso quest’anno 3,6 milioni di dipendenti pubblici e privati hanno scelto il lavoro ibrido. 

Lo stop

Scadono il 30 giugno le regole introdotte dal Milleproroghe con cui al momento si disciplina il lavoro agile per fragili e genitori di figli under 14. I lavoratori del pubblico e del privato che soffrono di gravi patologie hanno diritto allo smart working semplificato per un altro mese: fino alla fine di giugno quelli che non svolgono lavori non smartabili possono anche essere adibiti ad altre mansioni purché comprese nella medesima categoria o area di inquadramento. Scade sempre il 30 giugno il termine entro il quale i genitori lavoratori dipendenti del settore privato, con almeno un figlio minore di anni 14, possono chiedere di svolgere la prestazione di lavoro in modalità agile.

L’indagine

Il lavoro a distanza permette di evitare l’emissione di circa 600 chilogrammi di anidride carbonica all’anno per lavoratore con notevoli risparmi in termini di tempo (circa 150 ore), distanza percorsa (3.500 km) e carburante (260 litri di benzina o 237 litri di gasolio). Così è emerso da uno studio dell’Enea sull’impatto ambientale dello smart working a Roma, Torino, Bologna e Trento. «Il lavoro agile e tutte le altre forme di lavoro a distanza, tra cui lo smart working, hanno dimostrato di poter essere un importante strumento di cambiamento in grado non solo di migliorare la qualità di vita professionale e personale, ma anche di ridurre il traffico e l’inquinamento cittadino», ha concluso l’ente.

Lo scenario

Nel 2019, prima della pandemia, i lavoratori che godevano di flessibilità nello scegliere dove e come lavorare erano solo 570 mila, prevalentemente nel settore privato. Nel 2020, con un’impennata del 1054%, la flessibilità si è trasformata da privilegio a necessità per 6.580.000 lavoratori italiani. Questa la fotografia scattata dall’Osservatorio Digital Innovation del Politecnico di Milano, secondo le cui stime nel 2023 i lavoratori flessibili saranno in tutto 3.630.000. «In tutte le organizzazioni – spiegano gli esperti del Polimi – è stato necessario colmare i gap tecnologici con strumenti di collaboration, sicurezza, digitalizzazione dei processi e, per tale ragione, in moltissime aziende e PA il lavoro da remoto è stato mantenuto».

1 Comments

  1. Chi lavora a casa nelle ore che gli restano può muoversi quanto vuole producendo infinite emissioni, o viceversa andare al lavoro con mezzi non inquinanti. Perché non si cerca la sostenibilità pure nel calcio facendo le partite senza pubblico in tribuna da vedere solo in tv?

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ultimi articoli da