PA Magazine

/

Pa, tutti i concorsi in arrivo a ottobre

4 minuti di lettura
1
iStock

Autunno caldo di assunzioni nella Pubblica amministrazione: mentre diversi vincitori di concorsi hanno da poco preso servizio o lo stanno per fare (da quelli che hanno vinto un posto nei ministeri a coloro che si accingono a diventare ispettori del lavoro) quella che sta per iniziare si appresta ad essere, ancora, una stagione piena di concorsi pubblici. In questi ultimi mesi del 2022, infatti, sono attesi diversi nuovi bandi di concorso, anche molto importanti: dai ministeri all’Inps, passando per Roma Capitale e l’Agenzia delle Entrate. E mentre la Pubblica amministrazione continua il piano Brunetta di assumere fino a 4 milioni di nuovi statali, cambia il funzionamento del turn over, ovvero le nuove assunzioni non serviranno più a sostituire vecchie figure ma punteranno a introdurre nuove competenze nella Pubblica amministrazione. 

Calendario assunzioni

Come detto, sono diversi i concorsi che dovrebbero essere banditi in quest’ultima parte del 2022. Tra i più importanti ci sono il concorso Ragioneria dello Stato 2022 per assumere 54 nuovi funzionari; il nuovo concorso Magistratura 2022 da 400 posti; nuove assunzioni al Ministero dell’Interno e a quello del’Economia, per un totale di 700 posti. E, ancora, dovrebbero essere banditi tra non molto anche diversi concorsi per assumere nei ministeri 14.170 nuovi funzionari tra ministero della Giustizia, Farnesina, ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibile e Tesoro. Anche l’Agenzia delle Entrate 2022 dovrebbe bandire tra non molto uno o più concorsi aperti ai diplomati e laureati per occupare 2.560 posti. Nei prossimi mesi dovrebbero poi arrivare anche i concorsi per assumere 1.092 funzionari per il ministero della Giustizia e quello per completare l’organico di 16.500 funzionari dell’Ufficio per il Processo. I posti a bando dovrebbero essere 8.764. Infine sono attesi anche il concorso per le assunzioni di Roma Capitale, il concorso Inps 2022 per l’assunzione di 385 nuovi dipendenti, il concorso Aifa da 40 posti, il concorso Anpal per 43 assunzioni e quello Sna da110 posti destinati al dipartimento di Scuola Nazionale dell’Amministrazione di personale non dirigenziale.

Cambia il turn over

Nel frattempo, con uno degli ultimi atti dell’era Brunetta è stato stabilito che le nuove assunzioni da parte delle amministrazioni pubbliche non consisteranno più nella sostituzione di vecchie figure con altre identiche, ma guarderanno al futuro, alle nuove competenze che devono sostenere la trasformazione della Pa prevista dal Pnrr. Un processo che si tradurrà in una progressiva riduzione delle figure amministrative aspecifiche a favore, ad esempio, di esperti del digitale, di e-procurement, di transizione verde, di project management. Proprio a questo puntano le “Linee di indirizzo per l’individuazione dei nuovi fabbisogni professionali da parte delle amministrazioni pubbliche”, pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale del 14 settembre 2022. Il decreto interministeriale, firmato dal ministro per la Pubblica amministrazione Renato Brunetta e dal ministro dell’Economia Daniele Franco, è immediatamente esecutivo. Da ora in avanti, dunque, le amministrazioni pubbliche dovranno individuare il proprio fabbisogno di capitale umano considerando non solo le conoscenze teoriche dei dipendenti (sapere), ma anche le capacità tecniche (saper fare) e comportamentali (saper essere). Poiché al dipendente pubblico non si richiederà più il semplice possesso di nozioni teoriche, ma anche la capacità di applicarle ai casi concreti e di mantenere una certa condotta, nei concorsi occorrerà valutare anche le soft skill, come la capacità di innovare le procedure amministrative, lavorare in squadra e prendere decisioni in modo autonomo. Abilità che avranno maggiore peso anche nei percorsi formativi e di carriera.

1 Comment

  1. Buonasera scusate ma si indicono nuovi concorsi e le precedenti graduatorie con candidati idonei quando verranno evase? , si accumulano idonei su idonei. Bah mi viene da dire questa è l’Italia…..

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ultimi articoli da