PA Magazine

Ispettorato del lavoro, oltre 1200 posti a disposizione

5 minuti di lettura
3
iStock

Concorso ispettorato del lavoro: manca una settimana alla chiusura (il 14 marzo) del bando per l’assunzione, a tempo indeterminato, di 1.249 funzionari che, inquadrati nell’area III, posizione economica F1, guadagneranno 1.440 euro netti al mese. Il concorso prevede una sola prova scritta e poi la valutazione dei titoli. Cosa studiare per prepararsi, allora? E quando si starà davanti al test, nel dubbio meglio omettere la risposta o buttarsi? Vediamolo insieme. 

Prova a crocette

Come tutti gli ultimi concorsi banditi, tutti “semplificati”, anche questo prevede una sola prova scritta, a crocette. Si tratta di 40 quiz a risposta multipla da svolgere in sessanta minuti e che daranno un punteggio massimo di trenta punti. Si passa con un punteggio minimo di 21/30. Al punteggio della prova scritta verrà poi addizionato – solo per gli idonei – il punteggio dato dalla valutazione dei titoli (massimo 10 punti), e si otterrà così la graduatoria finale. La prova scritta sarà distinta per i tre codici di concorso, ovvero quelli relativi alle tre figure ricercate: 1.174 unità con profilo di ispettore tecnico da destinare alle sedi di Roma e alle sedi territoriali dell’Inl; 25 funzionari informatici; 50 unità con profilo di funzionario socio statistico economico. I test per tutte tre le figure ricercate saranno articolati così: ci saranno 25 quesiti volti a verificare conoscenze rilevanti in materie specifiche; 8 quesiti volti a verificare capacità logico-deduttiva e di ragionamento critico-verbale; 7 quesiti situazionali relativi a problematiche organizzative e gestionali ricadenti nell’ambito degli studi sul comportamento organizzativo. 

Cosa studiare

Come prepararsi allora in vista del concorso? Innanzitutto ci si può esercitare con quiz di logica, per arrivare preparati alla seconda parte del test. Sicuramente si deve anche rispolverare il proprio inglese, se non si è proprio padroni, perché domande di lingua straniera sono previste nella prima parte del test per tutte le tipologie di candidatura. Per quanto riguarda le 25 domande specifiche, le materie da studiare cambiano a seconda del profilo per cui si concorre. Chi si è candidato per il posto di ispettore tecnico deve studiare le seguenti materie: macchine e impianti; scienze delle costruzioni; disciplina in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro; direttiva europea relativa alle macchine; regolamento Ue sui dispositivi di protezione individuale; normativa sugli ascensori e i generatori di vapore; normativa in materia di radiazioni ionizzanti; elementi di chimica; elementi di diritto del lavoro; utilizzo delle applicazioni informatiche e dei software più diffusi. Chi si candida invece per ricoprire l’incarico di funzionario informatico deve rispolverare i libri su reti di telecomunicazione, con particolare riferimento alle reti basate su TCP/IP; reti di calcolatori: architetture, protocolli, tecnologie; sicurezza informatica: metodologie, strategie e tecnologie per la mitigazione del rischio; sistemi di elaborazione dati, con particolare riferimento al cloud computing e alle connesse tematiche di sicurezza; piattaforme, infrastrutture, linee guida e indirizzi per la transizione digitale della pubblica amministrazione; organizzazione e gestione della fase di erogazione dei servizi informatici; metodologie di gestione dei progetti in ambito ICT; il ciclo di vita del software – metodologie e metriche; progettazione del software, con particolare riferimento alle metodologie DevOps e Agile; basi di dati, data governance e data science; progettazione di sistemi distribuiti, blockchain e sistemi web; protezione dei dati personali; norme in materia di amministrazione digitale, e-government e dematerializzazione, con particolare riferimento al decreto legisaltivo 7 marzo 2005, n. 82.

Chi punta ad essere assunto come funzionario socio statistico economico deve invece prepararsi in statistica; statistica economica; contabilità pubblica; scienze delle finanze; elementi di politica economica; econometria; utilizzo delle applicazioni informatiche e dei software più diffusi.

3 Comments

    • Ciao sono una ragazza interessata a questo concorso, a te hanno risposto riguardo all’iscrizione al bando che scade il 14 marzo?grazie.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ultimi articoli da