PA Magazine

Giustizia lenta, allarme della Corte dei Conti

3 minuti di lettura
iStock

La digitalizzazione della giustizia non basta, almeno al momento: nonostante le misure di innovazione introdotte con la riforma del Processo civile telematico, in Italia l’arretrato è ancora tanto, la digitalizzazione è lenta e al momento non garantisce la velocizzazione nei processi. A dirlo è la Corte dei conti nella relazione, approvata con Delibera n. 53/2022/G, che la Sezione centrale di controllo sulla gestione delle amministrazioni dello Stato ha pubblicato in tema di “Obiettivi di efficientamento e risultati conseguiti dall’introduzione del processo civile telematico”, riferita al quinquennio 2016-2020. Le criticità che ci pongono agli ultimi posti in Europa – sottolineano i giudici contabili – anche riguardo la digitalizzazione della giustizia hanno origini sia esogene che endogene.

Processo lento

La Corte dei Conti sottolinea come l’introduzione del processo civile telematico e gli obiettivi di maggiore efficienza legati alla digitalizzazione dei giudizi garantiscono solo in parte il rispetto del principio della ragionevole durata dei processi, che appare per lo più perseguibile con adeguate procedure di risoluzione extragiudiziale delle controversie. Nel documento, la magistratura contabile, pur evidenziando le novità introdotte dal Pnrr relative all’ufficio per il processo (modulato sull’esempio anglosassone) e alle applicazioni sperimentali di intelligenza artificiale nei giudizi, sottolinea che la digitalizzazione dei processi costituisce un percorso lungo e laborioso, come testimoniano le numerose raccomandazioni Ue sulla riduzione dei tempi della giustizia italiana.

Legislazione episodica

La Corte fa notare che in Italia siamo davanti a una legislazione spesso episodica e poco organica. E questo si addizione alle difficoltà legate a un sistema soggetto a costanti aggiornamenti, interventi di reingegnerizzazione e cospicui investimenti per infrastrutture, progettazioni e formazione. Se infatti, rilevano i giudici contabili, il processo telematico è ormai una solida realtà in ambito civile, permangono ancora ritardi in quello penale. Le criticità, evidenzia la Corte, sono legate non tanto all’amministrazione di riferimento, quanto al complessivo percorso di digitalizzazione in atto nel pubblico e nel privato, in un ambito che, per i soli processi civili, ha comunque coinvolto – tra luglio 2014 e dicembre 2020 – circa 1,2 milioni di professionisti attivi nel telematico, con più di 56 milioni di atti telematici depositati e oltre 34 milioni di provvedimenti nativi digitali.

Intelligenza artificiale

I giudici contabili sottolineano anche che “l’uso di applicazioni di intelligenza artificiale può offrire numerosi vantaggi, quali l’utilizzo delle informazioni in modi nuovi e altamente efficienti nonché il miglioramento dell’accesso alla giustizia, anche riducendo la durata dei procedimenti giudiziari. Allo stesso tempo il potenziale di opacità o distorsioni insita in alcune applicazioni di IA può altresì determinare rischi e sfide per il rispetto e l’applicazione efficace dei diritti fondamentali, nonché in particolare il diritto a un ricorso effettivo e a un giudice imparziale”.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ultimi articoli da