PA Magazine

Concorso Sud, età media superiore a 42 anni per 3 profili su 5

5 minuti di lettura
1

I risultati del bando per il Sud. Quasi 100 mila candidature, tagliate dall’algoritmo che valuta i titoli a 8.500 concorrenti per i 2800 posti del bando per il Sud. E il primo dato che emerge è la bassissima presenza di under 30 tra gli ammessi allo scritto. Così tra il 9 e l’11 giugno si svolgeranno le prove lampo per ingaggiare, tra gli altri, circa mille funzionari esperti in gestione da destinare alle amministrazioni pubbliche al Sud: all’esame sono stati ammessi in più di 2700 e sono quasi tutti over 40 (l’età media dei candidati in questo caso è di 44 anni). Anche l’età media dei candidati ammessi alle prove per assumere funzionari amministrativi e esperti informatici (circa 300 i posti in palio in questo caso) è superiore a 42 anni. In compenso gli ammessi alla prova per selezionare quasi 1500 analisti tecnici hanno un’età media di 35,8 anni, che scende a 34,7 anni nel caso dei candidati a caccia di un posto nella Pa come funzionari esperti in animazione e progettazione territoriale. Insomma, per effetto della scrematura per titoli il concorso per l’assunzione di 2800 tecnici al Sud lascerà a casa i giovani proprio come si temeva e in particolare gli under 30. Ma è il caso di precisare che il concorso in oggetto è l’unico ad aver previsto nella fase iniziale la valutazione dell’esperienza professionale pregressa (accanto ai titoli di studio) per garantire l’immissione rapida a tempo determinato nelle amministrazioni pubbliche del Sud di esperti qualificati capaci di gestire i progetti europei.

Le percentuali

Nel complesso, stando ai rilevamenti di Formez Pa, appena il 4,3 per cento dei candidati ammessi al concorso ha meno di 30 anni, il che significa che su un totale di circa 8500 persone selezionate gli under 30 sono meno di 400, una goccia nel mare. Per quanto riguarda i partecipanti alla prova per assumere poco meno di 1500 analisti tecnici, la fetta più grossa del concorso per il Sud, la percentuale degli under 30 si attesta attorno al 7 per cento (dunque in questo caso i candidati con meno di 30 anni ammessi al test sono circa 300 su oltre 4 mila), mentre l’asticella scende clamorosamente, sotto al 2 per cento, se si guarda alle prove per assumere funzionari esperti in gestione, amministrativi giuridici ed esperti informatici, e addirittura sotto la soglia dello 0,5 cento relativamente alla prova per assumere funzionari esperti in animazione e progettazione territoriale.

Effetti collaterali

Come ribadito a Pa Magazine anche da uno dei massimi esperti di concorsi pubblici in Italia, Giuseppe Cotruvo, una scrematura per titoli non assicura l’assunzione dei profili migliori, anche perché i titoli rappresentano una fotografia istantanea della preparazione di un candidato, e non garantisce l’assunzione dei profili più giovani, anzi la ostacola: «Laureati con un master, anche se avessero voti di maturità e laurea bassissimi, batterebbero comunque un brillante neodiplomato con 100 alla maturità». Sono stati 81.150, di cui oltre la metà donne (il 55,2%), i candidati che hanno inviato la propria domanda di partecipazione anche per più profili entro i termini del bando, per un totale complessivo di 99.357 candidature. Dalla Sicilia (20.381) e dalla Campania (18.361) è arrivato il più elevato numero di candidature. 

Rome, Lazio, Italy – March 29, 2019: Students lined up in the pedestrian tunnel of the North entrance of the New Fair of Rome for the admission tests to the Faculty of Medicine and Surgery of the Catholic University of the Sacred Heart

Cronoprogramma

Le prove si svolgeranno in due sessioni giornaliere nelle cinque sedi decentrate individuate in Calabria, Campania, Lazio, Puglia e Sicilia, secondo la modalità semplificata cosiddetta “fast track”. Le cinque commissioni esaminatrici per ognuno dei profili messi a concorso sono state nominate il 3 maggio scorso. In questi giorni è in corso il controllo dei titoli di studio e dell’esperienza professionale dichiarati dagli 8.582 candidati, di cui 182 ex aequo, per formare l’elenco definitivo da ammettere alla prova scritta. Secondo il cronoprogramma la pubblicazione delle graduatorie definitive per le assunzioni è prevista dal 30 giugno al 9 luglio.

1 Comment

  1. Non Ve la fate una domanda? Significa che tutta questa gente superiore a 40 anni nn ha un posto di lavoro. Del resto nn sarebbe giusto far lavorare un pivellino di 20 anni che vive ancora in famiglia.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ultimi articoli da