PA Magazine

Cantieri sicuri, fermo il concorso per assumere 1.249 ispettori del lavoro

5 minuti di lettura
2
iStock

Nuove assunzioni all’Ispettorato del lavoro: mentre si attende per giugno l’assunzione di almeno 681 nuovi ispettori del lavoro, è ancora fermo il concorso bandito a inizio 2022 per assumerne altri 1.249 a tempo indeterminato. Dopo la scadenza per le candidature del 15 marzo scorso non si sono più avute notizie. Dall’Ispettorato del lavoro, su sollecitazione di PaMagazine, fanno sapere che si attendono novità, e quindi la convocazione delle prove, per l’estate, orientativamente tra giugno e luglio. Il condizionale però è d’obbligo perché, come ci spiega il direttore dell’Ispettorato Bruno Giordano, è tutto appeso a “una comunicazione da parte di Ripam”.

Personale che cresce

Lo stesso Giordano nei giorni scorsi ha annunciato che, nel frattempo, arriveranno all’Ispettorato, entro fine giugno, 691 nuovi ispettori (ma sarà possibile reclutarne “fino a 900” con lo scorrimento delle graduatorie) usciti dal concorso riaperto nell’estate scorsa. Nel complesso, completate tutte le procedure concorsuali, quindi lo scorrimento della graduatoria del 2021 e il completamento del concorso 2022 ancora aperto, le unità di personale ispettivo attivamente impegnate in azioni di vigilanza passeranno da 1.835 (tra ispettori del lavoro e ispettori tecnici) a 3.700, estendibili fino a un massimo di 3.909 funzionari, in virtù dello scorrimento delle graduatorie.

Concorso in fieri

Per quanto riguarda il concorso che di fatto deve ancora partire (ovvero quello da 1.249 posti e le cui candidature sono state inviate entro il 15 marzo scorso), ricordiamo che punta all’assunzione a tempo indeterminato di 1.249 dipendenti dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro da inquadrare nell’Area III, posizione economica F1. Di questi 1.174 dovranno avere profilo di ispettore tecnico (Codice ISP) da destinare alle sedi di Roma e alle sedi territoriali dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro; 25 con profilo funzionario area informatica (Codice INF) da destinare alle sedi di Roma e alle sedi territoriali dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro; 50 con profilo di funzionario socio statistico economico (Codice STAT) da destinare alle sedi di Roma e alle sedi territoriali dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro

Requisiti e prove

Si può partecipare al concorso avendo una laurea, dalla triennale in su, in qualsiasi materia. Si deve poi godere dei diritti civili e non avere condanne penali. Al profilo di ispettore tecnico possono candidarsi solo i cittadini italiani, mentre per gli altri due profili possono concorrere anche cittadini europei e extra comunitari, questi ultimi purché siano parenti di italiani o cittadini comunitari e abbiano un permesso di soggiorno, italiano o europeo, o abbiano lo status di rifugiati o di protezione sussidiaria. Come tutti i concorsi banditi di recente, anche quello dell’Ispettorato del lavoro prevede una sola prova scritta a cui segue, esclusivamente per gli idonei, la valutazione dei titoli. La prova consisterà in 40 quiz a risposta multipla da svolgere in sessanta minuti e che daranno un punteggio massimo di trenta punti. Si passa con un punteggio minimo di 21/30. Al punteggio della prova scritta verrà poi addizionato – solo per gli idonei – il punteggio dato dalla valutazione dei titoli (massimo 10 punti), e si otterrà così la graduatoria finale. I test per tutte tre le figure ricercate saranno articolati così: ci saranno 25 quesiti volti a verificare conoscenze rilevanti in materie specifiche; 8 quesiti volti a verificare capacità logico-deduttiva e di ragionamento critico-verbale; 7 quesiti situazionali relativi a problematiche organizzative e gestionali ricadenti nell’ambito degli studi sul comportamento organizzativo. Per quanto riguarda i 25 quesiti specifici, ci sarà l’inglese per tutti e poi materie peculiari per ogni classe di concorso. Si va da scienze delle costruzioni e direttiva Ue sulle macchine per il profilo di ispettori tecnici, a nozioni sulle reti di telecomunicazione e sicurezza informatica per il profilo informatico, a statistica e scienze delle finanze per il profilo di funzionario socio statistico economico.

2 Comments

  1. Buongiorno volevo chiederle se vi sara un’altra con convocazione per reclutare altri candidati per questo profilo di ispettore del lavoro? grazie

  2. Forse all’ispettorato del Lavoro non sono a conoscenza che esiste un profilo formativo specifico che si chiama TECNICO DELLA PREVENZIONE, laurea di primo livello; perché allora aprire a qualsiasi laureato ( anche scienze motorie) che di sicurezza sul lavoro non hanno mai sentito parlare? Comunque all’ispettorato possono vantarsi perché INAIL ha fatto peggio; nel concorso attuale da ispettore ha escluso come titolo valido quello del Tecnico della prevenzione…..che dire…..

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ultimi articoli da